STUDIO DI FISIOTERAPIA E RIABILITAZIONE
Dott.ssa Sirlene Callegari Tel. 345.60.20.322
Dott.ssa Roberta Bonino Tel. 340.93.78.023

Via Barazze, 1 - Cossato (Biella).

I nostri servizi

Negli ultimi dieci anni il campo della fisioterapia e riabilitazione ha subito grandi cambiamenti, trasformando la figura del fisioterapista da semplice “massaggiatore” a vero e propria esperto in diverse tecniche di “terapia manuale”.
Clicca sui singoli servizi per approfondire gli argomenti

Rieducazione posturale e mal di schiena

Il termine postura indica la posizione del corpo nello spazio e la sua relazione con i diversi segmenti corporei. Essa è il risultato di una complessa interazione tra cervello e organi sensoriali, ma anche stati emotivi. Una posizione corretta è quella che permette al nostro corpo di muoversi nello spazio con il minor dispendio energetico possibile e senza dolore. Una scorretta postura invece, anche di modesta entità, può essere la causa di molti disturbi tra cui cervicalgie e mal di schiena. Quest’ultimo è un problema di salute che affligge migliaia di persone e che colpisce più dell’ 80% della popolazione mondiale almeno una volta nella vita. La colonna vertebrale è l’asse portante di tutto l’organismo e, per questo motivo, è importante preservarne la salute nel tempo. La rieducazione posturale è volta al recupero del corretto posizionamento di ogni parte del corpo. Il fisioterapista , attraverso tecniche di simmetrizzazione ed autoconoscenza corporea, guida alla risoluzione delle cause che determinano i disequilibri strutturali secondo una visione globale del paziente. Attraverso il movimento, inoltre, si esercitano i muscoli e gli schemi motori "dimenticati" al fine di restituire lunghezza, elasticità e benessere all’intero organismo.

Riabilitazione sportiva e preatletismo

Questa branca della riabilitazione si occupa della risoluzione di patologie traumatiche acute -quali distorsioni, distrazioni muscolari, fratture, eccetera- così come di patologie derivate da sovraccarichi funzionali –ad esempio tendiniti e borsiti. Il nostro obiettivo è, da sempre, quello di garantire la massima qualità in termini di prestazioni e benessere agli atleti più competitivi così come ai semplici dilettanti.

Rieducazione post-chirurgica

Affrontare un intervento chirurgico non vuol dire solo passare attraverso una sala operatoria, ma significa, soprattutto, dedicare tempo ed impegno al raggiungimento di una completa riabilitazione. Spesso la regione interessata dall’operazione si presenta infiammata -ovvero è presente dolore, tumefazione, rossore e calore- e l'articolazione ha movimenti limitati e dolorosi. In questa casi il compito del fisioterapista è quello di guidare il paziente su un percorso sicuro che gli permetterà di tornare a praticare le proprie attività quotidiane senza fastidiosi dolori o limitazioni.

Terapie strumentali

► Laser (terapia strumentale)

La Laserterapia MLS® è nata dalla ricerca scientifica di ASAlaser per superare i limiti di efficacia e sicurezza della laserterapia tradizionale e sfruttare al meglio, e insieme, i vantaggi della bassa e dell'alta potenza. Abbiamo così messo a punto un nuovo impulso raffinato e complesso, che trasferisce con efficienza l'energia luminosa alle strutture anatomiche bersaglio della terapia. L'energia, convogliata attraverso un gruppo ottico di nuova concezione e distribuita omogeneamente su un'ampia "target area", ne attiva i fotorecettori, coinvolgendo anche il tessuto sottostante L'impulso MLS® (Multiwave Locked System) si basa su due emissioni combinate e sincronizzate: una è assimilabile, quanto a potenza, alla LLLT (Low Level Laser Therapy), mentre l'altra ha le caratteristiche tipiche dell'High Power. Le modalità di erogazione e il corretto bilanciamento delle potenze permettono di sfruttare contemporaneamente, e in tutta sicurezza, gli effetti positivi di High Power e LLLT. L'originalità delle componenti dell'impulso assicura inoltre una maggiore efficienza e riduce ulteriormente tempi di trattamento e numero di applicazioni. L'impulso MLS® modula il metabolismo cellulare e migliora l'apporto energetico. L'aumento di PP1 (Protein phosphatase 1), indotto dal processo terapeutico, regola infatti il processo di rilassamento/contrazione del muscolo e stimola l'accumulo delle scorte di glicogeno (fonte di energia necessaria per l'attività). Gli effetti termici della Laserterapia MLS® generano effetti fotomeccanici indiretti che originano a loro volta stress meccanici a livello cellulare. Nel muscolo, come negli altri tessuti con funzione meccanica, questo tipo di stress favorisce il trofismo, l'omeostasi e la differenziazione cellulare: agevola quindi la riparazione dei danni tissutali. L'impulso MLS® produce effetti termici controllati e sempre al di sotto della soglia di pericolosità. Stimola così le reazioni biochimiche e la vasodilatazione, incrementando l'apporto di ossigeno e nutrienti nell'area trattata. La moderata vasodilatazione facilita la risoluzione del processo infiammatorio e il riassorbimento dell'edema. Questi risultati, uniti all'azione analgesica propria del trattamento, sono all'origine della rapida riduzione della sintomatologia dolorosa riportata da numerosi studi clinici. La tecnologia che esprime le funzionalità dell'impulso laser MLS® è brevettata ed è stata approvata dalla FDA statunitense. Per assicurare ai pazienti benefici concreti, rapidi, misurabili. Sempre.

► TECAR® Terapia INDIBA® activ 801 è perfetto per:


-Trattamento prolungato di disturbi muscolo-scheletrici
-Trattamenti di disturbi del pavimento pelvico
-Trattamenti regionali -Coinvolgimento multi-articolare -Lunga durata I trattamenti di TECAR® Terapia, opportunamente modulati dalla mano del terapista, permettono di diminuire la sintomatologia dolorosa sin dalla prima seduta.

► Ultrasuoni

Gli ultrasuoni sono vibrazioni acustiche caratterizzate da un’alta frequenza e non percepibili dall’orecchio umano. Queste onde sonore, opportunamente direzionate, sviluppano un effetto termico e di micro-massaggio sulla zona interessata. Il loro utilizzo è particolarmente consigliato in presenza di processi infiammatori e artrosici.

► TENS ed elettrostimolazione

La TENS è una tecnica molto efficace dal punto di vista del controllo del dolore. La somministrazione di scariche elettriche modulate e controllate permette di inibire la componente nervosa del dolore, consentendo così ai pazienti di tornare ad una quotidianità libera da fastidiosi dolori. La TENS terapia è indicata per tutte le fasi del dolore, da quelle più acute sino a quelle croniche. Con il termine elettrostimolazione si intende la somministrazione di correnti elettriche, modulate diversamente dalle TENS sia nella forma che nella frequenza, che permettono di stimolare la contrazione muscolare e facilitare la ripresa del trofismo muscolare. L’elettrostimolazione risulta particolarmente efficace nel trattamento dell’ipotrofia muscolare post-infortunio o post-chirurgica.

Questo insieme di tecniche strumentali si sposano perfettamente con i trattamenti di rilascio miofasciale e dei punti trigger.

KINESIO TAPING® e bendaggio funzionale

Il bendaggio funzionale è una tecnica che, tramite l’utilizzo di bende adesive estensibili e non, permette di proteggere e favorire il movimento di una determinata parte corporea. Questo obiettivo viene raggiunto modellando il bendaggio sulla base delle richieste del paziente e andando a scaricare, comprimere, sostenere o stabilizzare l’articolazione interessata. Il KINESIO TAPING® è una tecnica innovativa di bendaggio elastico che viene utilizzata per facilitare il naturale processo di guarigione dei tessuti. Questo bendaggio fornisce supporto e stabilità a muscoli e articolazioni senza limitare il movimento e può essere utilizzato per trattare una vasta gamma di patologie di tipo ortopedico, neuromuscolare, neurologico e linfatico in pazienti di tutte le età.

Rilascio miofasciale e trattamento punti trigger

La fascia sottocutanea è un tessuto elastico posto sotto la pelle che avvolge il nostro corpo svolgendo importanti funzioni di collegamento, movimento e protezione. Rappresenta, inoltre, il vero organo armonico, ossia una sorta di “direttore d’orchestra” del nostro organismo. La cicatrizzazione o il trauma di questa "rete" di tessuto connettivo sono una delle principali cause di dolore e di impedimento del movimento. Gli stiramenti leggeri e specifici che i nostri fisioterapisti applicano hanno lo scopo di alleviare questi problemi allungando o “rilasciando” le contrazioni e aderenze della fascia. Intimamente legata al trattamento della fascia vi è quello dei punti trigger: questi altro non sono che punti di ipersensibilità localizzati in uno o più muscoli ed a volte estesi anche al tessuto connettivo circostante. Alla palpazione sono riconoscibili come porzioni circoscritte di muscolo simili ad un nodulo, indurite e dolenti alla palpazione. La digitopressione su questi punti causa dolore, spesso riconosciuto come familiare e già provato, e solitamente evoca dolore riferito a distanza nelle cosiddette “aree di dolore irradiato”. Attraverso il trattamento di rilascio dei punti trigger, il nostri terapisti "disattivano" la contrattura ed il relativo dolore riferito.

Visite mediche

Lo studio si avvale della collaborazione in sede di diverse figure mediche specializzate nella diagnosi e trattamento dei disordini del sistema muscolo-scheletrico: fisiatra, ortopedico, reumatologo, eccetera.



Infiltrazioni

Si tratta di iniezioni di farmaci, generalmente cortisonici o ialuronici, con funzione di protezione e cura dell’articolazione. L’acido ialuronico ha lo scopo di proteggere e nutrire, nonchè di lubrificare, l’intera cartilagine articolare. I farmaci cortisonici, invece, riducono l’infiammazione e diminuiscono il dolore. Le tempistiche consigliate sono di una singola infiltrazione a settimana per una durata di circa 3-5 settimane.

Trattamenti domiciliari

Quando la disabilità o gli impegni personali non permettono di seguire il percorso riabilitativo presso il nostro centro, è disponibile un servizio di fisioterapia a domicilio.




Rieducazione perineale

Il perineo che cos'è? È un insieme di muscoli, la cui integrità costituisce la garanzia di una perfetta posizione degli organi contenuti nella pelvi, una buona continenza e un'ottima sessualità. Cosa succede ai muscoli del perineo con il trascorrere del tempo? In gravidanza, con il "sovraccarico" legato alla presenza del bambino, nel parto con la possibilità di stiramenti e lacerazione dei muscoli, negli anni, con il progressivo indebolimento muscolare, la tosse cronica, la stitichezza e il sovrappeso, possono favorire un precoce indebolimento e compromettere l'integrità di funzioni importanti come: il sostegno degli organi (prolasso), la continenza incontinenza urinaria e anale da sforzo e da urgenza) e la scarsa soddisfazione sessuale. A tutto ciò dobbiamo aggiungere, purtroppo, la scarsa conoscenza di questa parte del corpo e la sua fondamentale importanza per la salute generale. Quali sono i segnali di una debolezza? Piccole fughe d'urina in occasione di tosse, starnuti; Difficoltà ad arrivare "asciutte" in bagno; Senso di pesantezza al basso ventre con sensazione di "qualcosa che esce" Rumori d'aria in vagina dopo i rapporti sessuali, Acqua in vagina dopo il bagno, Difficoltà a trattenere l'assorbente interno Scarsa o assente soddisfazione sessuale organica. Quando è consigliabile iniziare il corso? Premesso che, per ridurre al minimo i rischi di indebolimento, l'ideale sarebbe quello di mantenere tonica la muscolatura come per qualsiasi altra parte del corpo iniziando prima che i sintomi ci segnalino che qualcosa non va. Resta comunque importante di sintomi di debolezza non rimanere ad aspettare a lungo poichéè spesso piccoli provvedimenti possono dare facilmente buoni risultati sin da subito. Ricordati che: non si dovrebbe fare e stare a guardare perchéè l'incontinenza non è solo un problema della menopausa...
In che cosa consiste il trattamento? Il trattamento consiste nell'apprendimento di alcuni esercizi muscolari e specifici e di corrette abitudini di vita. Solo le forme più complesse richiedono un intervento.

Linfodrenaggio linfatico metodo Vodder

Il drenaggio linfatico manuale è una tecnica di massaggio del tutto particolare, creata dal Dr. Vodder negli anni '30. Le pressioni utilizzate, molto lente , ritmate e di lieve intensità, hanno lo scopo di accelerare il deflusso linfatico dalle zone di stasi verso i canali di drenaggio, in modo da liberare l'interstizio tessutale dai liquidi che vi si sono accumulati. L'effetto è di immediato benessere ed il paziente avverte subito una sensazione di leggerezza nel distretto interessato. Anche l'aspetto ed il colorito cutaneo migliorano, come pure in presenza di soluzioni di continuo della cute (ulcere trofiche, ferite..) si nota fin dalle prime sedute un'accelerazione del processo di cicatrizzazione. Il drenaggio linfatico manuale trova il suo campo di applicazione principale nel trattamento del linfedema, sia esso primitivo che secondario, ma anche in campo vascolare venoso, ortopedico, nelle patologie otorinolaringoiatriche croniche ed in alcune affezioni dermatologiche.
E' inoltre indicato nel trattamento delle stasi del paziente anziano o allettato, negli edemi post traumatici, nella patologia traumatica minore, ulcere venose, rinoplastica, cellulite, distorsioni, sinusite, gravidanza, coxartrosi, stipsi, post-sclerodermia, stitichezza, cefalee, colpo di frusta e insonnia.